B33 IL FILM IL FILM
Un viaggio fisico e interiore interamente documentato: dalla diagnosi di cancro alla fine delle terapie. La malattia come punto di partenza per ritrovare un’identità fisica e personale. Per capire il valore di prendersi cura di sé anche e soprattutto quando la vita improvvisamente cambia e si sospende, quando le cure offensive fanno perdere i capelli, oltraggiano il corpo e lo spirito.
Ma si scopre una forza inaspettata, indomita, si può trasformare il dolore in opportunità e condividerla con gli altri, scoprire un nuovo modo di vedere le cose, recuperare le proprie origini, la propria anima. 
Un viaggio fisico e interiore interamente documentato: dalla diagnosi di cancro alla fine delle terapie. La malattia come punto di partenza per ritrovare un’identità fisica e personale. Per capire il valore di prendersi cura di sé anche e soprattutto quando la vita improvvisamente cambia e si sospende, quando le cure offensive fanno perdere i capelli, oltraggiano il corpo e lo spirito.
Ma si scopre una forza inaspettata, indomita, si può trasformare il dolore in opportunità e condividerla con gli altri, scoprire un nuovo modo di vedere le cose, recuperare le proprie origini, la propria anima. 
“Vuole piangere?”
“No”
Voglio documentare il mio viaggio con questo compagno che vive dentro di me e che non riesco a vedere come un nemico, voglio che la mia vita non cambi nei limiti del possibile, non voglio sentirmi malata, anche se un cancro è una delle malattie più gravi che conosco, non voglio che gli altri mi vedano malata, soprattutto non voglio che Nino, mio figlio, percepisca questi mesi come qualcosa di triste. Cadranno i capelli? Ci travestiremo insieme con le parrucche. Sarò stanca? Ci accudiranno i nostri amici. Non voglio che la chemioterapia distrugga la mia salute fisica e mentale. Non voglio arrivare alla fine di questo viaggio con la vita salvata, ma distrutta. Un foglietto stropicciato con scritto a mano B 33 è stato il numero che mi hanno consegnato in sala d’attesa alla prima seduta di chemioterapia. E’ il titolo del film.
Sarà un viaggio lungo, doloroso, necessario, ma straordinario.
“Mamma eri triste per il cancro?”
“Sì, ma ero molto più triste prima.”

B33, diario di un viaggio straordinario

un film di sabrina paravicini

 

Con la partecipazione di Nino Tancredi Monteleone

 

 

 

Una produzione Ravic Film, Regia di Sabrina Paravicini, Riprese e montaggio di Lorenzo Messia, Musiche di Gianluca Pinto e Marco Travan, Grafica di Matteo Paravicini, Mixage Nuccia Studio Roma e Stabilimento Post Media Fenix, Ufficio Stampa Regi e Spizzichino

B33, diario di un viaggio straordinario

un film di sabrina paravicini

 

Con la partecipazione di Nino Tancredi Monteleone

 

 

 

Una produzione Ravic Film, Regia di Sabrina Paravicini, Riprese e montaggio di Lorenzo Messia, Musiche di Gianluca Pinto e Marco Travan, Grafica di Matteo Paravicini, Mixage Nuccia Studio Roma e Stabilimento Post Media Fenix, Ufficio Stampa Regi e Spizzichino

Preordina B33

Stiamo preparando il DVD del film,

vuoi vederlo in anteprima?

 
Ricevi il DVD appena sarà pronto!

Non hai ancora visto Be Kind?

È già disponibile:
clicca per acquistarlo!

 

Lo riceverai in pochi giorni.